Adrian: malissimo in tv, benissimo in rete

,

Lunedì e martedì sono andate in onda le prime due puntate di Adrian, la serie evento di Adriano Celentano.

Abbiamo atteso, palpitato, quasi stramazzato al suolo quando partiva lo spot in tv, per via del volume altissimo. Il grande giorno infine è arrivato, il debutto, il momento in cui raccogliere il trionfo. E invece…

 

 

Durante la prima serata “Aspettando Adrian” inchioda allo schermo 5.997.000 telespettatori, pari al 21.92% di share, mentre il cartoon “Adrian” ha interessato 4.544.000 telespettatori, cioè il 19.8% di share. Alle 23:10 davanti alla tv erano rimasti 2.351.000 telespettatori, registrando il 12.2% di share. Non erano certo questi i numeri che Mediaset e lo stesso Molleggiato si aspettavano, ma sarebbe stato lecito, al termine dello show, pensare ‘andrà meglio domani’. Purtroppo, il giorno seguente sono stati costretti a tramutare il pensiero in ‘al peggio non c’è mai fine’.

Veniamo, infatti, ai dati della seconda puntata di Adrian: la parte iniziale registra immediatamente un primo crollo con 3.965.000 telespettatori (il 15% di share), il fumetto viene visto da 2.887.000 telespettatori (il 13.3% di share).

Il disastro è ormai chiaro. Il progetto non funziona. Nonostante la perfetta squadra di professionisti messa in piedi da Adriano Celentano (Nicola Piovani per le musiche e Milo Manara per la graphic novel) Adrian viene classificato come “flop”.

 

 

Mentre al Teatro Camploy di Verona abbiamo visto Adriano Celentano per pochi silenziosi istanti, molto più incisiva e presente è stata la sua reazione alle critiche piovute dal web. Dopo la proiezione del primo episodio, infatti, il ragazzo della via Gluck si è infuriato leggendo i post sui social network, tanto da provocare (forse) la chiusura anticipata dello show, costringendo Canale 5 a correre ai ripari con la messa in onda di “Ravanello Pallido”, film con Luciana Littizzetto. Lo scarso successo in tv è stato, dunque, compensato da quello riscontrato in rete. L’ hashtag AdrianLaSerie è diventato, in un attimo, trend topic della settimana su Twitter.

Gli utenti cinguettano di luoghi comuni, abuso del corpo femminile, immagini osè propinate a casaccio e di una trama inconsistente e fredda. Tuttavia, il popolo dei social ci ha anche insegnato che nulla può sfuggire alla dura, quanto esilarante, legge dei “meme”. Ecco che Adrian diventa fonte di ispirazione per vignette e rappresentazioni grafiche a portata di click. Da giorni le vediamo scorrere sulle nostre bacheche, le commentiamo, le condividiamo, oppure, non possiamo fare a meno di soffermarci a leggerle. Nella speranza che Adriano non si arrabbi, ne abbiamo selezionate alcune tra le più irresistibili.

 

 

 

 

 

 

Il più condiviso nelle ultime ore:

 

 

Mancano ancora sette puntate al termine di Adrian, ma siamo sicuri che il web non ci deluderà.