Corde Oblique: “‘The moon is a dry bone’ a giugno uscirà anche in Cina”

,

Uscito il 3 aprile 2020 per Dark Vinyl Records, “The Moon Is a Dry Bone” è il nuovo album dei partenopei Corde Oblique.

“Sotto la superficie, la luna è secca come un osso. Non puoi spremere il sangue da una rapa e apparentemente non puoi nemmeno strizzare l’acqua dalle rocce lunari.”

Con questo ultimo tassello del loro personalissimo mosaico poetico, i Corde Oblique lanciano un genere che la band stessa definisce “folk-gaze”, un miscuglio tra neofolk e shoegaze.

L’acredine dei tempi annidata nei vari brani è rilevata con coraggio ma è addolcita da una luce versata dall’infanzia, dalle regioni in cui la meraviglia riesce ancora a farsi primo motore e azione.

“The Moon Is a Dry Bone”, ottavo album in studio dei Corde Oblique, include 11 tracce inedite, tra cui una cover degli Anathema (Temporary Peace).

Dopo vent’anni di attività musicale, Riccardo Prencipe (mente e anima della band) riesce ancora a interrogare gli astri, aridi eppure ancora ricettivi e, forse, promettenti.

I Corde Oblique hanno conquistato negli anni non solo l’Italia, ma anche, fra gli altri, la Germania, la Turchia e la Cina. E proprio qui, a giugno, uscirà la versione nippoca dell’album.

Ascolta l’intervista