Lutto nel mondo della musica: morto Keith Flint, frontman dei Prodigy

,

Il frontman dei Prodigy, Keith Flint, 49 anni, è stato trovato morto nella propria abitazione di Dunmow, in Inghilterra. A riportare la notizia l’account Instagram ufficiale della band britannica.

“Non posso crederci, nostro fratello Keith si è tolto la vita nel weekend”, ha scritto Liam Howlett, cofondatore della band e gestore dell’account, accompagnando il post con una foto dell’artista.

Un portavoce della Polizia ha dichiarato: “E’ arrivata una segnalazione verso le 8 di lunedì mattina, riguardante la salute di un uomo. Una volta arrivati, purtroppo, lo abbiamo trovato senza vita e abbiamo avvisato i parenti più vicini. La morte non è stata trattata come sospetta e sarà il coroner a preparare la documentazione”.

 

 

Keith Flint e Liam Howlett si erano conosciuti a un rave e, successivamente, insieme a Maxim e Leeroy Thornhill, hanno dato vita alla band The Prodigy. Un percorso, quello del  collettivo britannico, iniziato nel 1992 con l’album Experience. Inizialmente, Flint era un ballerino del gruppo. Nel 1996 inizia a cantare per la band nel singolo Firestarter, contenuto nel terzo disco The fat of the Land. Questo stesso album consacrò The Prodigy tra le band più incisive della scena elettronica degli anni ’90. Il loro mix di techno-hardcore, dance e big beat incontrava, in quegli anni, altri esponenti come The Chemical Brothers e Fatboy Slim. Nel 1997 i Prodigy finirono al centro di una bufera per via del testo di Smack My Bitch Up, considerato estremamente violento e misogino. Nonostante la band tentasse di spiegare che si era trattato di un fraintendimento, alcuni negozi ritirarono The fat of the Land, l’album che conteneva il singolo, dalla vendita. Ciò nonostante, il videoclip della canzone vinse due premi agli MTV Video Music Awards del 1998.

 

 

L’ultimo disco della band è No Tourists, uscito a novembre 2018. A inizio febbraio il gruppo aveva tenuto un tour in Australia e sarebbe tornato a esibirsi live a maggio, negli Stati Uniti.

“È con profondo shock e tristezza che confermiamo la morte del nostro fratello e migliore amico Keith Flint. Un vero pioniere, un innovatore e una leggenda. Ci mancherà per sempre. Vi ringraziamo per il rispetto della privacy di tutti gli interessati in questo momento”, è il post comparso sul profilo twitter della band.